• Home
  • News
  • Prime tappe della costruzione di un polo transfrontaliero di ecovillaggi tra il Senegal e la Mauritania

Ultimi Articoli

Legge sul riconoscimento giuridico delle comunità intenzionali: firma per sostenere una scelta di vita sostenibile in Italia

04/07/2021
La RIVE ti invita a firmare la petizione per sostenere la proposta di legge per il riconoscimento delle comunità intenzionali. Per sostenere la raccolta firme clicca su https://buonacausa.org...

Yes To Sustainability Partnership: l'inizio di una grande avventura!

03/31/2021
Yes To Sustainability (YTS) è un progetto con una missione: promuovere la partecipazione attiva dei giovani attraverso esperienze di cambio vita in ecovillaggi e comunità sostenibili. Dopo diversi...

Ecovillaggi: Manuale di istruzioni per principianti

03/26/2021
Quando sentiamo parlare di Ecovillaggi accade spesso che dentro di noi nasca un forte impulso a voler fare questa esperienza, ma tra sentir parlare di questi posti magici e visitarli ci sono una se...

Sulle R.I.V.E. di una nuova era: gli ecovillaggi e le reti. Parte una nuova avventura social di RIVE

03/19/2021
Partirà domenica 21 marzo, con cadenza bisettimanale, la nuova rubrica video “Sulle R.I.V.E. di una nuova era: gli ecovillaggi e le reti”. La rubrica sarà pubblicata sui canali Facebook, Youtube e ...

Relazione della Comunità con i territori che la ospitano - 4° incontro online tra gli ecovillaggi

03/15/2021
 Come consuetudine, dopo 15 giorni dall'ultimo cerchio di confronto online, gli Ecovillaggisti appartenenti a Rive si sono incontrati nuovamente in una soleggiata domenica mattina di inizio ma...

Incontro online tra ecovillaggi: aspetti emotivi e difficoltà nella relazione con i volontari in ecovillaggio

02/28/2021
Come previsto, dopo 15 giorni dall'ultimo incontro tra Ecovillaggi, Domenica 21 Febbraio alle 10.30 del mattino, un gruppo di comunità aderenti a Rive si è ritrovata su Zoom per dar vita a un cerch...

Prime tappe della costruzione di un polo transfrontaliero di ecovillaggi tra il Senegal e la Mauritania


Sotto la guida di REDES (Rete per l'Emergenza e lo Sviluppo di Ecovillaggi nel Sahel), un'organizzazione sub-regionale affiliata al Global Ecovillage Network (www.redes-ecovillages.org), sabato 4 agosto 2018 vari attori dello sviluppo comunitario sia mauritani che senegalesi, impegnati nella lotta contro la desertificazione e l'impoverimento socio-economico del proprio territorio, si sono incontrati nel sito di dimostrazione permaculturale di Lahel (Senegal) per condividere le loro esperienze e adottare strategie concertate per uscire dalla crisi.


Senegal pic 3 640x480I partecipanti al laboratorio provenivano da entrambi i lati del fiume Senegal. Dal lato mauritano, sono giunti da Wouro Aly Guelel, Loboudou, Regba, Andlous e dalla comunità di Darel Barka. Le delegazioni senegalesi invece, venivano principalmente dai villaggi dell'isola di Amorphil, dall'area che si estende da Diatar a Ngane passando per Guédé Ouro, Guédé Village, Mboya Walo, Moundouwaye, Diaw, Alwar et Sabbou Allah. All’incontro erano rappresentate anche Guedé Chantier, Gaddou Zoga, Medina Fresbe, Gamadji e Diara.

Oltre alla presenza di contadini, pastori e pescatori, c'erano anche leader di associazioni comunitarie e di gruppi di donne, una dozzina di capi villaggio e il sindaco di Gamadji Saré (comunità composta da trenta villaggi e cento frazioni).
Le discussioni durante questo importante incontro, presieduto dal sindaco di Gamadji Saré, M. Thierno Kalidou Ndiaye, si sono concentrare sui temi della creazione di un polo transfrontaliero di ecovillaggi, della permacultura e della sicurezza alimentare. Questi temi sono stati introdotti rispettivamente dal Dr. Ousmane Aly PAME, Presidente di REDES e del GEN Africa, da M. Khaly Mbengue, esperto in agricoltura biodinamica e responsabile dei progetti di permacultura di REDES, e da M. Assante Pearson, volontario americano di REDES.Senegal pic 1 640x480
Secondo i relatori e i partecipanti, il brutale collasso degli ecosistemi nella regione è stato causato dalla bonifica massiccia delle ultime riserve forestali per la creazione di risaie, dalla debolezza delle campagne di riforestazione, dall'uso incontrollato e su larga scala di pesticidi tossici e dalle dighe che alterano il regime e la qualità delle acque fluviali.Chiaramente, la crisi ecologica e socio-economica deriva in gran parte dalle attività agroindustriali presenti nella regione.
Un vecchio agricoltore che ha partecipato al laboratorio e ha lavorato con la missione agricola cinese a Guédé Chantier all'inizio degli anni ‘70, ha caldamente raccomandato che il disastro ecologico e socioeconomico che ha colpito questo villaggio pionieristico nella coltivazione del riso serva da esempio per tutta la regione. «Le terre di Guédé Chantier», ha aggiunto, «sono diventate sterili a causa degli effetti combinati della monocultura e dell'uso intensivo di diversi pesticidi pericolosi». «È raro», ha continuato, «vedere persone che hanno più di sessant’anni: sono stati tutti ammazzati dai pesticidi e i pochi sopravvissuti sono indebitati fino al collo».

Senegal pic 2 640x480
Per combattere la rapida diffusione della "sindrome di Guédé" nella regione, il progressivo inaridimento dell'area e i problemi di sicurezza alimentare che ne derivano, il REDES ha avviato nel dipartimento di Podor un importante programma per la creazione di frutteti biologici comunitari e intende estenderlo dall'altra parte del fiume con il supporto dei propri partner. REDES sta inoltre creando un sito di dimostrazione permaculturale per formare le persone della zona, specialmente le associazioni giovanili e i gruppi di donne, nelle tecniche di agricoltura biodinamica. A Lahel, cuore del polo di ecovillaggi del nord del Senegal e del sud della Mauritania, verrà inoltre allestito un centro di formazione comunitario.
REDES progetta di utilizzare gli spettacolari successi dei programmi di rigenerazione della biodiversità attivati nei villaggi di Loboudou (Mauritania) e Diarra (Senegal) per ispirare profondi cambiamenti nel comportamento di entrambe le regioni di confine.
Alla fine della giornata, il Comune di Gamadji Saré e il REDES hanno firmato un accordo di partenariato. L'organizzazione subregionale del GEN Africa firmerà presto altri accordi di cooperazione con i comuni di Ngogom, Ngoye e Toubatoul e si impegnerà a mobilitare le competenze nazionali e internazionali, nonché le risorse finanziarie necessarie per l'implementazione di progetti comunitari identificati nelle comunità partner.

Traduzione dell'articolo originale di Ousmane Aly PAME a cura del team di Comunicazione RIVE

 

Ousmane Aly PAME, medico di stato,
Presidente di GEN Africa (www.gen-africa.org)
e di REDES - Rete per l'Emergenza e lo Sviluppo di Ecovillaggi nel Sahel
(www.redes-ecovillages.org), email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per approfondire l'argomento e la connessione tra la RIVE e il REDES:

http://ecovillaggi.it/notizie/45-senegal-ministero-ecovillaggi.html
http://www.damanhureducation.it/it/riforestazione_in_senegal

(traduzione di Martina Losardo)

GEN Eu, news

1000 Caratteri rimanenti


Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

rive headerSede legale: Strada Bagnaia 37, 53018 Sovicille (SI)
Codice Fiscale: 92042730520

Copyright © 2010 RIVE, Rete Italiana dei Villaggi Ecologici

Questo sito non utilizza “cookie di profilazione”, e non sarebbe quindi tenuto a questo avviso che riportiamo solo per notivi prudenziali. Utilizziamo i cookie solo solo per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information