"Empower yourself with the Circle Way", primo Youth Exchange in un ecovillaggio italiano

Condivisione di Nicoletta Benfatti

coordinatrice progetto Erasmus+ “Empower yourself with the circle way” 

progetto parte di YesToSustainability https://yestosustainability.wordpress.com/

Da pochi giorni è terminato il primo Scambio Giovanile Erasmus+ realizzato in un ecovillaggio italiano, a Tempo di Vivere, sulle colline Piacentine, ma le emozioni sono ancora vivissime nei miei ricordi, in quelli dei comunardi e dei 25 ragazzi e ragazze provenienti da Germania, Olanda, Grecia, Spagna e Italia.

Emozioni è la parola chiave. Si, emozioni!

ye tdv cenaTredici giorni, dal 5 al 17 giugno, all’insegna della sostenibilità con un’occhio particolare a sè stessi, alla scoperta della via del Cerchio, e del potere che sviluppa nelle persone che ne condividono gli insegnamenti, proprio come succede nella comunità di Tempo di vivere.

In questi giorni i ragazzi hanno vissuto a stretto contatto con la comunità  sperimentando cosa significa collaborare insieme ogni giorno, suddivisi in gruppi, a svolgere vari compiti, dai lavori nell'orto alla cura degli spazi comuni, dalle creazioni manuali con il legno alla preparazione dei pasti in cucina.

Le giornate poi erano completate dall’apprendimento non formale su temi riguardanti la sostenibilità, come ad esempio la Permacultura, la Sociocrazia (metodo decisionale e organizzativo paritario, non gerarchico), la Comunicazione non violenta, la Medicina naturale, l’homeschooling e l’agricoltura naturale.

panorama tdvTutto questo si è svolto in un paesaggio incontaminato, magico, contornato da montagne piene di boschi e ruscelli, che incentivava i ragazzi a prendersi dei momenti per sé stessi per riflettere in connessione con la natura.

E non dimentico tutti i momenti al calar del sole che ci hanno visti protagonisti nel giocare insieme a giochi da tavolo e a nascondino, nel realizzare talent show improvvisati, nel connettersi con la contact improvisation e nella preparazione dell’evento finale, a cui hanno partecipato alcune persone venute dai paesi limitrofi, per scoprire qualcosa in più sui progetti di scambi giovanili Erasmus, per godersi le rappresentazioni teatrali improvvisate, per gustare squisite pizze e kebab vegani e soprattutto, per danzare insieme balli tipici folkloristici greci!

E’ stato entusiasmante vedere la curiosità e spontaneità dei ragazzi nel voler conoscere cose nuove e la naturalezza con cui si sentivano parte della comunità con tanta gioia e disponibilità.

La cosa più incredibile accaduta in questi tredici giorni è stata la capacità individuale di ognuno di potersi sentire liberi e pienamente sé stessi, in un ambiente sicuro, protetto, senza giudizio, ma solo con tanto amore e accettazione di sè e dell’altro, dell’essere umano. 

Come coordinatrice, ho vissuto un'esperienza che mi ha nutrito nel profondo. A partire dai due anni di continui tentativi e modifiche progettuali per far approvare il progetto all’Agenzia Nazionale Giovani, ente che gestisce i contributi europei, proseguendo con tutta la fase preparatoria con i partner europei nella selezione dei partecipanti e condivisione di informazioni. Arrivando alla visita preparatoria avvenuta a Maggio, presso la comunità di Tempo di vivere, con gli youth leader di ogni Paese, con l’obiettivo di conoscere il luogo, definire maggiormente i dettagli delle attività che si sarebbero fatte insieme e decidendo insieme tutta la parte logistica delle facilitazioni e dei compiti di ognuno. piazzale tdv ye

E infine, sono finalmente arrivata a godermi questi meravigliosi tredici giorni insieme a delle splendide persone ricevendo tanta gioia, tanto riconoscimento e tanta gratificazione da tutti per aver creduto in questo progetto e averlo realizzato.

Ma non è finita qui.

Non ho ancora terminato tutta la parte amministrativa relativa al progetto che sto già pensando ai prossimi Scambi Giovanili  “YesToSustainability”!!! Stay tuned!

Grazie a tutti della gioia condivisa! Aho!

Nicoletta Benfatti

  • Nessun commento trovato

Questo sito non utilizza “cookie di profilazione”, e non sarebbe quindi tenuto a questo avviso che riportiamo solo per notivi prudenziali. Utilizziamo i cookie solo solo per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information