Iniziative

Una raccolta di strumenti e iniziative in seno alla RIVE

YOUTH EXCHANGE - "Embracing Diversity: Applied Ecovillage Living"

ISCRIZIONI CHIUSE

Ci scusiamo se le iscrizioni sono state chiuse prima della data prefissata, ma abbiamo raggiunto il numero massimo di candidature.

Opportunità per giovani dai 18 ai 30 anni.

Scambio giovanile Erasmus+ per 5 giovani italiani + 1 Youth leader dal 3 al 17 Marzo 2018 in Scozia, presso Findhorn Ecovillage – Moray https://www.ecovillagefindhorn.com

Progetto europeo Erasmus+ in cui RIVE è organizzazione Partner.

Paesi coinvolti: Spagna, Olanda, Italia e Regno Unito

YOUTH EXCHANGE in Spagna - "Theatre as a Tool to Share Values"

Opportunità per giovani dai 18 ai 30 anni.

Scambio giovanile Erasmus+ per 4 giovani italiani + 1 Youth leader 2 al 16 Maggio 2018 in Spagna, presso Ecohousing Valdepielagos - Madrid www.ecoaldeavaldepielagos.org
Progetto europeo Erasmus+ in cui RIVE è organizzazione Partner.
Paesi coinvolti: Italia, Francia, Olanda, Turchia e Spagna

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO (SVE) MARZO-AGOSTO 2018 a Korogonas Ark, Grecia

Korogonas Ark cerca una persona tra i 20 e i 30 anni che voglia acquisire maggiori responsabilità, conoscenze ed esperienza nel vivere una vita pacifica, sostenibile, rivoluzionaria e completa.

La proposta è rivolta a chi preferisce vivere in ambienti naturali, lontano dalle città, lavorando la terra, utilizzando il meno possibile schermi e cellulari (solo per comunicazioni imprescindibili  e necessità di diffusione e sensibilizzazione), sentendosi felice anche con poche interazioni umane durante la giornata.

Seoc, Progetto concluso e Nuovi sviluppi per la Sociocrazia in Italia

SEOC logoA novembre si è concluso, dopo due anni di intenso lavoro, il progetto SEOC (Sociocracy Empowering Organizational Capacity), finanziato dal Programma Erasmus+ dell’Unione Europea. Il progetto, promosso da Asociatia Romania in Transitie (Il Movimento di Transition Towns in Romania), ha visto coinvolte, in una stretta collaborazione internazionale, diverse realtà europee impegnate nel campo della sostenibilità: noi di RIVE (Rete Italiana Villaggi Ecologici), Red Iberica de Ecoaldeas (RIE) e l’Universitatea de Vest Timisoara (L’università rumena di Timisoara).

Il progetto aveva come obiettivo primario la formazione di trainers e assistenti in Sociocrazia 3.0 (un’evoluzione della Sociocrazia classica, con elementi di Olocrazia e Comunicazione non violenta), per la diffusione e l’affiancamento all’introduzione di nuove soluzioni di sostenibilità sociale, economica e ambientale. Gli strumenti forniti dalla formazione sono stati pensati per migliorare gli aspetti decisionali e organizzativi in associazioni, aziende, istituzioni e gruppi informali e – contestualmente - per proporre e consolidare l’utilizzo e la pratica di nuove dinamiche relazionali all’interno di tali gruppi. 

"From the I to the We - Yes to Sustainability" RESOCONTO DELLO SCAMBIO GIOVANILE IN SLOVENIA

Racconto dell'esperienza vissuta dai partecipanti

Dal 8 al 16 Agosto sei giovani italiani sono partiti alla volta dell'ecofattoria Zavod Veles in Slovenia e insieme ad altri giovani provenienti da Olanda, Slovenia e Spagna hanno vissuto un'esperienza comunitaria che aveva come obiettivo principale la sostenibilità ecologica.
I giovani hanno esplorato insieme le sfide e le opportunità che la comunità di Zavod Veles sta mettendo in pratica per vivere in modo semplice e sostenibile.

English Version at the End

SEOC, Sociocrazia in Italia, secondo evento formativo

:: English text at the bottom of this page :: 

SEOC logo

Il progetto SEOC (Sociocracy Empowering Organizational Capacity, qui trovi il comunicato stampa) prosegue con entusiasmo e successo. Dopo il primo Evento Moltiplicatore (Multiplier Event, qui trovi la descrizione del primo workshop), il team italiano, all’interno di RIVE, ha organizzato un nuovo momento formativo, con l’aiuto dei finanziamenti Erasmus+ dell’Unione Europea.

L’evento è stato organizzato sui colli di Modena, dal 15 al 18 giugno 2017, presso L’ecovillaggio Tempo di Vivere, un gruppo con un’attenzione particolare alle relazioni umane e alla sostenibilità ecologica.

L’evento, a cui hanno partecipato 40 persone, è stato pensato seguendo una struttura simile a quello precedentemente organizzato ad Ostuni, in Puglia.

Sociocrazia gruppo al completo

Anche se la parte teorica e quella pratica sono state mantenute piuttosto bilanciate, gli effetti e i risultati prodotti da questo evento sono stati diversi da quelli del primo incontro: si è cercato infatti di migliorare l’impatto concreto e efficace della Sociocrazia attraverso un più intenso e realistico lavoro pratico sulle reali esigenze dei partecipanti.

Durante l’evento tutti i diversi strumenti di apprendimento prodotti dall’associazione RIVE e dai suoi partner e fruibili in OpenSource sul sito Seoc, sono stati utilizzati e sperimentati in modo da insegnare e trasmettere la Sociocrazia 3.0.

I feedback derivanti dal precedente evento e dall’utilizzo del materiale didattico del LOVR (la libreria online derivata dal progetto), hanno permesso un miglioramento empirico dei contenuti.

E4 Rive 2017 June IMG 3903Il manuale è stato riscritto e stampato nuovamente, ma l’esperienza ha dimostrato anche che il materiale stampato non è così necessario: infatti poche copie per la consultazione si sono dimostrate sufficienti per stimolare ed incentivare i partecipanti a consultare la versione online del LOVR.

I partecipanti al precedente evento avevano riferito di difficoltà nell’utilizzo degli strumenti online; per questo tanti nuovi strumenti, quali le carte da gioco sulla Sociocrazia 3.0, i dadi, i grafici visuali, e un nuovo manuale tradotto e sintetizzato, sono stati realizzati ed utilizzati durante i quattro giorni dell’evento, dando la possibilità ai partecipanti di familiarizzare e sperimentarsi in modo diretto e pratico.

L’esperienza passata inoltre ha evidenziato che strumenti online tipo il LOVR necessitano di essere integrati da altri strumenti di comunicazione: sin dall’inizio dell’evento alcuni strumenti come Google-groups, Facebook, Zoom, Skype, Lumio, ecc sono stati presentati ai partecipanti come mezzi importanti per tenersi in contatto, prendere decisioni, condividere, essere parte di una grande comunità virtuale.

Sociocrazia trainingPer iniziare fin da subito con un’esperienza pratica, è stato chiesto al gruppo di scegliere una necessità reale (Driver, in Sociocrazia 3.0), ossia un bisogno emergente e attuale, da affrontare partendo dalla situazione presente che ognuno dei partecipanti stava vivendo:

Essendo tutti rappresentanti di organizzazioni interessate all’utilizzo della Sociocrazia 3.0, come possiamo rinforzare, migliorare, mettere in pratica ed implementare l’utilizzo della Sociocrazia da qui in avanti?”.

Lo sviluppo dei diversi bisogni che sono emersi dalle situazioni attuali hanno consentito ai partecipanti di sentirsi completamente coinvolti ed entusiasti riguardo all’apprendimento della teoria e all’applicazione pratica dei diversi percorsi che fanno parte della Sociocrazia 3.0.

Alcuni dei partecipanti si sono sentiti talmente coinvolti che hanno deciso di impegnarsi con l’implementazione della Sociocrazia non solo all’interno della RIVE in quanto rappresentanti di quest’ultima durante l’evento, ma anche nell’ambito dei loro individuali lavori ed occupazioni: un partecipante ne ha promosso l’utilizzo all’interno di una scuola superiore di Firenze, un’altra all’interno del suo team di lavoro all’interno del INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare).

E’ seguito un intenso scambio di comunicazioni online tra i partecipanti ai due eventi moltiplicatori che ha manifestato un forte interesse nella creazione di gruppi di apprendimento e applicazione pratica della Sociocrazia e della sua integrazione con altri metodi di facilitazione.

Il gruppo di facilitatori è attualmente impegnato nello sviluppo di un piano per proseguire con il progetto SEOC e alcuni partecipanti agli eventi hanno chiesto di diventare parti attive di questo gruppo innovativo; il progetto SEOC è stato inoltre integrato all’interno del progetto CLIPS (Community Learning incubator program for sustainability, un altro progetto finanziato dall’Unione Europea di cui RIVE fa parte), facendo nascere due gruppi di facilitazione con diverse competenze, che forniscono chiarimenti, aiuto e competenze a quegli ecovillaggi, associazioni, e organizzazioni che richiedono il loro supporto.

Per restare aggiornati o avere informazioni dal Team Italiano di Sociocrazia, potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori approfondimenti:

 

:::::::::::::::::::::::::::::

English Version

E4 had been organized in Modena (north of Italy) at Tempo di vivere (Time to Live) an ecovillage focusing on human relations as well as ecological sustainability, from the 15 to the 18th of June 2017.

The multiplier event which counted 40 participants followed a similar structure to the one previously organized in the South of Italy. Although theory and practice have been maintained quite balanced, the results and effects of this event have been quite different from the one of the E3.

During the multiplier event all different intellectual outputs produced by RIVE & its partners have been used and tested in order to teach/transmit sociocracy 3.0. The feedback received both on the event as well as on the O1 LOVR material allowed a empirical improvement of the delivery. The manual had been re-written and re-printed; experience showed though that printed material was not so essential: few copies for consultation were enough so to stimulate and incentive participants to consult the on line O1 LOVR. The previous participants had great difficulties in utilizing on line tools, forum discussions and so on. New material such as playing/teaching cards on sociocracy 3.0 together with a playing dice, visual flip charts, O2 SFTC and translated manual had been produced and utilized throughout the 4 days giving participants the chance to familiarize and experiment themselves with these teaching tools.

Past experience tough also that on line tools such as the LOVR need to be supported by other meeting references: from the beginning of the event instruments such as Google-groups, Facebook, Zoom, Skype, Lumio, etc have been introduced to the participants as a mean to keep in touch, make decisions, share, be part of a greater virtual community.

In order to start the practical experience the group of participants have been asked to select a real driver (a clear need to address) starting from the present situation that each of them was leaving: “as we are all representatives of organizations interested in using sociocracy 3.0, how do we deepen, improve, practice and implement the use of sociocracy from here onwards?”

The development of the different drivers emerged from this current situation allowed participants to feel fully involved, engaged and enthusiastic about learning theory and practicing the application of all different patterns of sociocracy 3.0.

Some of the participants felt so involved and engaged that not only are working for the  implementation of sociocracy within RIVE as their sending organisation to this event, but they are also bringing sociocracy in their main job: sociocracy 3.0 have been introduced and it’s being used in a high school in Florence; another participant has proposed to use inside het team some of the sociocracy 3.0 patterns in INFN (National institute for nuclear Physic).

The E4 evolved in a stronger on line exchange among the participants of the 2 multiplier events; a strong interest in creating learning and practicing groups of sociocracy and its integration with other facilitation methods; the team of facilitators are now developing a future plan for the follow up of the SEOC project and 2 more people from E4 have asked to become active parts in this innovating team; the SEOC project has also been integrated in the CLIPS project (Community learning incubator program for sustainability – another European funded project of which RIVE is part) giving birth to a to emergency facilitation teams with different competences which are bringing clarity, support and techniques to ecovillages, associations and organizations which demand their support.

 

Servizio volontario europeo: opportunità di finanziamento

Se hai tra i 18 e i 30 anni puoi fare richiesta di un finanziamento per un'esperienza formativa in assistente educativo e animatore intergenerazionale che si terrà nell'ecovillaggio francese Hameau des buis.

SEOC, Il primo appuntamento di Sociocrazia

:: English text at the bottom of the page ::

SEOC logoAll’interno del progetto SEOC (Sociocracy Empowering Organizational Capacity), finanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea, di cui RIVE è partner, è stato organizzato il primo Multiplier Event (Evento Moltipicatore), per la divulgazione e la pratica di strumenti sociocratici, organizzativi, decisionali e relazionali. L’evento ha usufruito dei fondi europei così da permettere la quasi completa gratuità di partecipazione e diventare accessibile anche a interessati con minori possibilità economiche.

Per saperne di più qui trovate il comunicato stampa del progetto.

Clown SocialeRive, in collaborazione con altre associazioni impegnate nella sostenibilità, ha organizzato il workshop presso il centro culturale “La luna nel pozzo”, ad Ostuni (Brindisi, Puglia), una contesto eclettico e suggestivo. Una masseria tra gli ulivi, con installazioni artistiche e profumo di vita in ogni angolo.

L’associazione che ha ospitato l’evento si occupa infatti di sperimentazione teatrale e social clown, rivolto anche a persone disabili, con l’intento di fornire loro uno strumento utile per l’espressione individuale, per sviluppare e accrescere creatività e immaginazione.

In questa cornice si è svolto l’evento di tre giorni, incentrato sulla presentazione, implementazione e divulgazione del materiale didattico e formativo prodotto precedentemente nell’ambito del progetto di Sociocrazia e ora pubblicato e accessibile in opensource sulla libreria LOVR. La produzione e l’utilizzo di questo materiale era uno degli obiettivi primari del progetto Seoc, e questo evento ha dato la possibilità e l’occasione per testare i risultati raggiunti a metà percorso.

In questa occasione per la prima volta il gruppo di trainers e facilitatori in formazione ha potuto mettere in pratica le conoscenze relative al progetto Sociocrazia 3.0, apprese durante la formazione professionale portata a termine nel Giugno 2016, ed è stata anche occasione per sperimentare l’impiego del manuale recentemente sviluppato come parte del progetto (Sociocracy Facilitation Training Course, SFTC – anch’esso disponibile sul LOVR in diverse lingue).

Il gruppo di facilitatori ha concepito e pianificato questo evento ponendo attenzione al bilanciamento tra la parte teorica e quella pratica, in modo da offrire ai partecipanti entrambi gli approcci, fornendo quindi sia competenze e metodologie propriamente teoriche, sia diversi strumenti di applicazione pratica.

Sociocrazia in gruppiIl percorso di questi giorni ha implicato anche una parte di lavoro interiore dei singoli partecipanti, attraverso un laboratorio di Sociocrazia Interiore: questo approccio è stato pensato per offrire la possibilità di sperimentare la sociocrazia anche come metodo decisionale da poter utilizzare nella quotidianità di ognuno. Prevede infatti la consapevolezza e la conoscenza delle diverse parti che compongono la personalità di un individuo, così da permettere ad esse di relazionarsi tra di loro e col mondo esterno in modo più armonico e sano. Una maggiore consapevolezza di sé, del proprio ruolo, dei propri conflitti interni e della posizione che si sta scegliendo di assumere all’interno del gruppo, è estremamente utile nel momento in cui bisogna prendere una decisione in un team o all’interno di un’organizzazione.

Sono state anche presentate diverse competenze di facilitazione, quali la preparazione degli incontri, le tempistiche, i riti e la celebrazione, per accrescere nei partecipanti la capacità di condurre un gruppo, e la capacità di riconoscere e sciogliere dinamiche di conflitto o divergenze di opinioni.

La partecipazione ed il coinvolgimento dei presenti sono stati alti, in quanto per lo più rappresentanti di associazioni ed organizzazioni che intendono integrare la Sociocrazia nella loro attività quotidiana.

Sociocrazia lavoro in cerchioQuesto interesse estremamente concreto e i numerosi feedback dei partecipanti hanno portato il gruppo di facilitatori ad interrogarsi e a mettere in discussione l’efficacia del bilanciamento tra la parte teorica e quella pratica che era stato previsto: infatti il programma è stato poi rivisto e migliorato in modo da ampliare la parte pratica e offrire un maggior numero di strumenti ai partecipanti.

Uno degli obiettivi principali dell’evento era quello di far conoscere la Sociocrazia e far lavorare i partecipanti in piccoli gruppi. Quindi le attività e i giochi proposti all’inizio del primo giorno sono stati pensati per far conoscere tra di loro i partecipanti e il loro contesto associativo.

Solo in seguito è stata introdotta la Sociocrazia, con la sua storia ed il suo sviluppo, per fornire solide basi storiche e scientifiche su cui andare a lavorare successivamente.

Il secondo giorno è stato pensato per far conoscere e sperimentare i differenti percorsi che il modello sociocratico offre, creando un ambiente protetto e sicuro: durante questa fase infatti emergono processi di pensiero interiore e sistemico (sociocrazia interiore), ed è quindi molto importante che i partecipanti, mentre imparano ad applicare le diverse parti del modello, si sentano accompagnati e circondati da un contesto sicuro.

Questa fase, caratterizzata da una connotazione propriamente teorica, anche se supportata da alcuni brevi esercizi pratici, aveva come obiettivo quello di porre le basi per il lavoro pratico dei giorni successivi, come anticipato prima.

Il terzo giorno si è concentrato sull’applicazione pratica degli strumenti appresi in precedenza, in modo da rendere i partecipanti familiari con l’utilizzo e l’insegnamento del LOVR e della Sociocrazia come metodologie da integrare nelle strutture organizzative.

Sociocrazia partecipantiGrande spazio è stato dato all’insegnamento del processo di feedback, fornito attraverso l’applicazione diretta all’organizzazione dell’evento e alla facilitazione; questo lavoro è stato utile anche per raccogliere preziosi commenti per migliorare il LOVR, e per renderlo il più possibile user-friendly come pianificato all’interno del progetto SEOC.

Sono stati inoltre delineati i prossimi passi, con l’obiettivo di proseguire con l’utilizzo, l’implementazione, i feedback e la divulgazione della Sociocrazia e del LOVR, e la possibilità di sviluppare strumenti per l’insegnamento a distanza.

Per restare aggiornati o avere informazioni dal Team Italiano di Sociocrazia, potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori approfondimenti:

:::::::::::::::::::::::::::::

English version

E3 has been organized by RIVE in November 2016 in the South of Italy.

The venue hosts an association which works with experimental theater, social clowning, and people with disabilities in order to offer them a social tool to express themselves and develop their creativity and imagination. A 4 days event focused on the presentation, feedback, implementation and dissemination on O1 LOVR material, produced during the previous months of the project.

This was the first time the Italian pool of facilitator and facilitators in training was applying what learned about Sociocracy 3.0 during the short term learning/teaching/training activity carried out in June 2016, and the official printing of the newly developed manual as part of the SFTC (IO2) was employed.
The facilitation team designed the 4 days event balancing theory and practice in order to offer to the participants both experiences, allowing them to get to know the methodology but at the same time giving them the opportunity to implement the different patterns. The patterns utilized implied also inner work: to offer the participants the opportunity to experiment sociocracy as a decision making process also inside themselves, getting to know all different parts that each individual “contains” and how these parts relate to themselves and to the outside world once they have to make decision in groups, teams, organizations.
Facilitations skills such as meeting structure, timings, rituals, celebrations etc. has been introduced in order to expand participants’ abilities in holding a group, recognizing emerging dynamics of
conflict or disagreements.

The attendee participation and involvement was high; as they where representatives of associations or organizations intending to acquire Sociocracy in their daily functioning. This brought to a questioning of the fifty-fifty balance between theory and practice and received lots of feedbacks where more time for practice was required. The programmed agenda has therefore been improved in order to offer more practice to the participants.

One of the main goals of the event was to introduce Sociocracy and to get participants to work in small working groups. Therefore during the first part of the 1st day, games and activities have been proposed in order to introduce participants to each other and to the different area of involvement carried out by their organizations. Only afterwards it has been possible to introduce Sociocracy, its roots and development, in order to offer a solid historical and scientific ground on which to lay future learning.
Day 2 was designed to explain and experiment different patterns offered by the sociocratic model in a safe environment as a “sand box”: this methodology touches inner and systemic believe systems and it was therefore important to accompany participants in a protected environment while learning to apply the different parts of the model.
This more theoretical learning supported by short practical exercises had the objective of preparing participants for the practical work of the following day.
Day 3 was focused on the implementation of the learned patterns on practical issues in order to make participants familiar with the use and self teaching of the LOVR and sociocracy as a methodology to be applied into organizational structure.
Day 4 had the objective of teaching feedback by applying it on the event organisation and facilitation; and in order to collect precious feedback to improve the LOVR and to make it more user-friendly as desired by the SEOC project. Next steps have also been defined in order to follow up with the use, implementation, feedback and dissemination of Sociocracy and LOVR, as its tool for self-remote-teaching.

 

Unione europea, finanziamenti per la formazione degli adulti

Un finanziamento dall'Unione europea per un corso di formazione per adulti che vogliono imparare a creare progetti giovanili e collaborare alla realizzazione degli stessi con la RIVE - rete italiana villaggi ecologici

Seminario di formazione Erasmus+ “Youth discovering sustainable lifestyles”

Resoconto esperienza dei partecipanti italiani

Dal 2 al 7 Novembre, presso l’Ecovillaggio Sieben Linden in Germania, si è svolto un interessante Seminario formativo indirizzato a giovani che fanno parte delle varie organizzazioni aderenti alla rete degli ecovillaggi europei, che aveva come obiettivi finali la divulgazione delle modalità di redazione di un progetto Erasmus+ e la creazione di una rete di persone che cooperano per la realizzazione di progetti legati alla vita sostenibile negli ecovillaggi.

Opportunità di Servizio Volontario Europeo (SVE) nella segreteria del GEN Europe

CEND - Capacity for Ecovillage Network Development
(Competenza per lo Sviluppo della Rete degli Ecovillaggi)

Questo progetto SVE di 12 mesi è stato ideato per due giovani entusiasti tra i 17 e i 30 anni, interessati agli ecovillaggi e al vivere sostenibile, che vogliono fare esperienza in attività di segreteria e nel fare rete così come nel community-building, nell’auto-sviluppo e nel lavoro di gruppo interculturale. Durante i 12 mesi del progetto imparerai a conoscere la vita di un ecovillaggio spagnolo e allo stesso tempo acquisirai esperienza nel lavorare in un ufficio internazionale!


gen

Cos’è lo SVE?
Lo SVE è il Servizio Volontario Europeo, un programma che permette ai giovani di fare esperienza all’estero, di imparare e di contribuire ad un mondo migliore con il supporto dei fondi europei Erasmus+. Fornisce cioè l’opportunità di partecipare ad attività significative e ad un apprendimento empirico con una copertura totale di vitto, alloggio, spese di viaggio, paghetta mensile, assicurazione e tutoraggio. Ognuno può partecipare ad un solo SVE a breve termine (meno di 59 giorni) e ad uno solo di lungo termine.


Alla Segreteria del GEN-Europe nell’ecovillaggio Arterra Bizimodu in Navarra, Spagna

Quando?
Dal 15 Settembre 2017 al 14 Settembre 2018 (12 mesi)

Chi?
Giovani di età compresa tra i 17 e i 30 anni, che non hanno mai partecipato ad uno SVE prima d’ora, provenienti dai paesi partner del progetto: Italia e Regno Unito.

Stiamo cercando candidati motivati con un’attitudine proattiva, creativa e orientata alla risoluzione dei problemi, e con il desiderio di apprendere il lavoro di segretariato, networking e altre attività proprie di un ecovillaggio. Le condizioni di vita saranno essenziali, con un focus ad una bassa impronta ecologica. Puoi quindi aspettarti stanze condivise, servizi in comune, un ambiente rurale e attività sociali di gruppo diversificate. Vivrai in un ecovillaggio, partecipando alle attività comunitarie come cucinare, pulire e mangiare insieme, così come altri progetti e mansioni a seconda del caso.

Cosa?

1. SVE al GEN Europa: Lavoro amministrativo ed informatico

Per questa attività stiamo cercando un volontario interessato a lavorare nel settore informatico all’interno di un gruppo di lavoro internazionale, aiutando l’ufficio in una serie di problemi di tipo informatico, creando un ambiente informatico stabile composto di sistemi ben funzionanti e processi amministrativi. Un interesse particolare per i sistemi opensource e una disposizione mentale proattiva e orientata al trovare soluzioni sarà preferito nella ricerca del candidato.

Queste sono alcune delle cose che farai:

- Lavorare con diverse piattaforme di sistemi informatici (WordPress, OwnCloud e altri sistemi Open Source)
- Apprendere velocemente l’utilizzo di nuovi sistemi
- Risolvere e documentare problemi informatici
- Lavorare con il pacchetto Office - sia quello commerciale che l’open source
- Lavorare in gruppo
- Fare i back-up, gli aggiornamenti e altre funzioni amministrative informatiche
- Sviluppare e documentare processi organizzativi di buone pratiche
- Lavorare autonomamente

2. SVE al GEN Europa: Comunicazioni

Per questa attività, stiamo cercando un volontario con un interesse nelle comunicazioni (scrivere, tradurre, raccolta di informazioni e progettazione creativa) e con un’attitudine proattiva su questioni logistiche ed organizzative legate all’assistenza di persone con bisogni speciali. Idee pratiche per definire e gestire il flusso di informazioni all’interno della rete, e un interesse nell’acquisire esperienza nel coordinamento di eventi e campagne, sono entrambi ben accetti.

Queste sono alcune delle cose che farai:

- Assistenza alla comunicazione verso l’esterno (volantini, opuscoli, video)
- Creazione di materiale di comunicazione (articoli, comunicati stampa, presentazioni, newsletter)
- Gestione del sito (creazione di contenuti, redazione e correzione delle bozze, aggiornamenti)
- Promozione del profilo pubblico del GEN e aumento della consapevolezza collettiva attraverso strategie di gestione del marchio
- Traduzione di materiale di comunicazione scritto
- Supporto a coloro con difficoltà ad accedere a questo flusso di informazioni (in particolare i non vedenti) sotto forma di lettura, scrittura, organizzazione delle informazioni, pianificazione di viaggi e alloggio, assistenza domestica e supporto morale.

Come?
Se sei interessato a questo progetto SVE, per favore manda il tuo CV e una lettera motivazionale a XENA: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 30 Agosto 2017.
La selezione verrà fatta dopo un’intervista con i candidati.

Siti rilevanti:

Global Ecovillage Network of Europe: www.gen-europe.org
Arterra Bizimodu: www.arterrabizimodu.org

"Yes to Sustainability" RESOCONTO DELLO SCAMBIO GIOVANILE IN SPAGNA

 Racconto dell'esperienza vissuta dai partecipanti

Dal 1 al 8 ottobre si è svolto lo scambio giovanile in Spagna, “FROM I TO WE - Yes to sustainability” presso l’ecovillaggio Lakabe a Navarra, e RIVE, come organizzazione partner, ha inviato 7 giovani ragazzi dai 18 ai 30 anni, insieme a Olanda e Germania.

English Version at the End

YOUTH EXCHANGE in Spagna - "Yes to sustainability!"

Opportunità per giovani dai 17 ai 30 anni.

Progetto europeo Erasmus+ in cui RIVE è organizzazione Partner. La partecipazione a tutti questi progetti è gratuita, i costi di viaggio (fino ad un massimo di Euro 275,00), di vitto e alloggio sono finanziati da Erasmus+.

From the I to the We - exploring Ecovillage life" RESOCONTO DELLO SCAMBIO GIOVANILE IN DANIMARCA

 Racconto dell'esperienza vissuta dai partecipanti

Da tre anni il gruppo di lavoro “internazionale” di RIVE – rete italiana villaggi ecologici , ricerca e crea occasioni di scambio interculturale e formativo per giovani ed adulti attraverso i finanziamenti del programma Erasmus+ dell'Unione Europea. From the I to the We è l'ultimo progetto che ha preso vita in Danimarca, nell'ecovillaggio Hallingelille , dove trenta giovani tra i 18 e i 30 anni, provenienti da Italia, Spagna, Slovenia, Germania e Danimarca, hanno trascorso nove giorni immersi nella quotidianità dell'ecovillaggio e nella dimensione comunitaria.

English version at the end

"LARP" - RESOCONTO DELLO SCAMBIO GIOVANILE IN SVEZIA

Racconto dell'esperienza vissuta dai partecipanti

I primi dieci giorni del mese di Luglio 2017, una sessantina di ragazzi provenienti da Italia, Grecia, Romania, Estonia, Olanda e Svezia si sono riuniti presso la fattoria Hastekasen, ad Uddevalla in Svezia, in occasione della seconda edizione del progetto Europeo «Gimleby - LARP» finanziato da Erasmus+, e ideato e organizzato da Sebastian, proprietario del posto e uomo di grande spirito d'iniziativa.

English Version at the End

CORSO DI FORMAZIONE SUL MODELLO “CLIPS - Community Learning Incubator Programme for Sustainability

ECOVILLAGGIO TORRI SUPERIORE (VENTIMIGLIA) - 23 / 27 NOVEMBRE 2017

A seguito del progetto SCIPP (Sustainable Community Incubator Partnership Programme), sovvenzionato dall’Unione Europea, la RIVE - Rete Italiana Villaggi Ecologici e altre 8 reti europee di ecovillaggi hanno sviluppato la guida / modello “CLIPS – Community Learning Incubator Programme for Sustainability” per formare facilitatori che possano meglio comprendere e sostenere le iniziative locali e le ecocomunità nei momenti di difficoltà che inevitabilmente attraversano nella loro vita.

PROGRAMMA PIùMANICO RIVE 2017

PROGRAMMA RIVE PIùMANICO

Questo sito non utilizza “cookie di profilazione”, e non sarebbe quindi tenuto a questo avviso che riportiamo solo per notivi prudenziali. Utilizziamo i cookie solo solo per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information