Federazione di Comunità di Damanhur

Via Pramarzo, 3
10080 Pramarzo, Baldissero Canavese (TO)
GPS: N 45.406141, E 7.74707
Tel. 0124 512226
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.damanhur.it
Pagina Facebook

Fondata in Italia all’inizio degli anni ‘70, Damanhur è un centro di ricerca spirituale, artistica e sociale conosciuto in tutto il mondo. È composta da 600 membri suddivisi in 25 nuclei che danno vita alla Federazione di comunità. Quest’ultima, fondata nel 1980, ha una struttura sociale, politica ed economica in continua evoluzione e in relazione con il loro percorso di ricerca spirituale.
Damanhur fa parte di Rive, Gen-Europe, Conacreis.

Per visualizzare online la galleria di immagini::
http://ecovillaggi.it/rive/ecovillaggi/12-damanhur.html#sigFreeIdfd692d104d

Le origini

Damanhur è stata fondata nel 1975 da Oberto Airaudi – Falco Tarassaco, secondo l'uso dei damanhuriani di adottare nomi di animale e vegetale – che in quell'anno inizia un'ampia attività di divulgazione nel campo delle discipline esoteriche e “di confine”, con particolare riferimento alla medicina olistica e al percorso spirituale. Falco – scomparso nel 2013 – è la guida spirituale dei damanhuriani e dal suo messaggio nasce l’idea della prima comunità. Nel 1977 viene acquistato il primo terreno, nel Canavese, e nel 1979 – Damanhur è abitata. Il nome Damanhur è ripreso da una città dell'antico Egitto, dedicata alla divinità Horus.

Damanhur si organizza con un governo eletto dai suoi cittadini, una Costituzione scritta (sovente aggiornata) e con una struttura istituzionale ben definita. Falco lascia a poco a poco incarichi di conduzione, mantenendo il ruolo di guida spirituale che gli è riconosciuto dai damanhuriani, e dedicandosi a ricerche nel campo della selfica (disciplina da lui creata per interagire con le energie della natura), della pittura visionaria e in molti altri campi della crescita personale e del benessere.
Nel 1983 vivono a Damanhur oltre 100 persone. Nel 1986 inizia lo sviluppo del sistema scolastico interno che, secondo la formula dell'istruzione familiare, comprende attualmente tutti i cicli dal Nido alla Media.
A partire dal 1989 dalla prima comunità cominciano a nascere le successive, secondo una formula che prevede attualmente più di venti comunità, diffuse un in raggio di una ventina di chilometri.

Nel 1992 viene scoperta, in territorio damanhuriano, la costruzione di un grande tempio ipogeo: i Templi dell’Umanità, che i damanhuriani avevano iniziato a scavare e a decorare con opere d'arte, dal 1978. Dopo 4 anni di sequestro e di conseguente, intensa battaglia legale e politica, i Templi vengono dichiarati “opera d'arte collettiva” e ottengono l'agibilità. Oggi sono visitabili e rappresentano il motivo di maggiore notorietà della federazione di comunità.

A metà degli anni Novanta i damanhuriani fondano il movimento politico “Con te, per il paese”, che dialoga con il territorio e presenta liste alle elezioni amministrative. Attualmente, la giunta comunale del paese di Vidracco (TO) – sede di numerose comunità - è formata da damanhuriani, e numerosi altri damanhuriani fanno parte di altri consigli comunali.

Nel 2004 Damanhur rileva una vecchia fabbrica Olivetti, a Vidracco, e la trasforma nel centro di cultura, arte, benessere “Damanhur Crea”.

La filosofia damanhuriana

I damanhuriani affermano che ogni essere umano ha un'origine divina ed è suo compito recuperare la memoria e la coscienza di questo stato primigenio. L'umanità è parte di un ecosistema che include piante, animali, la terra, e forze diverse che formano l'ecosistema spirituale. Ogni parte è una manifestazione della stessa natura divina che permea l'universo. In questa visione, la ricerca di sé e del Divino coincidono, perché l'essere umano è una "forma-ponte" fra il piano spirituale e quello materiale. Tutti gli esseri umani contengono questa completezza e possono armonizzare la materia e lo spirito.

La stessa assunzione di un nome di animale e di uno vegetale rappresenta un passo verso il completamento della natura “universale” di ogni individuo. Il percorso di crescita di ognuno si fonda sulla continua trasformazione interiore, sul superamento dei limiti dell'individualità e dell'egoismo, sul rispetto di tutte le forme viventi, siano esse fisiche o sottili e sull'azione individuale, intesa come espressione del libero arbitrio.

L’organizzazione politico-istituzionale

Ogni comunità è coordinata da un reggente, eletto annualmente dai componenti la comunità. Le comunità nel loro insieme formano la federazione. La federazione è retta da due re guida, eletti da tutti i cittadini ogni sei mesi (incarico più volte rinnovabile).

La scelta dei damanhuriani è quella di una struttura partecipativa democratica, con regole chiare per tutti, a cominciare dalla Costituzione.

L’economia

Il sistema economico è misto. Metà circa della popolazione lavora in aziende formate da damanhuriani, che hanno come riferimento sia Damanhur (corsi, ospitalità ecc.) sia altri campi artigianali e professionali. Molti damanhuriani lavorano all'esterno delle comunità, nelle scuole, in fabbrica, commercianti, liberi professionisti ecc.

Tutte le attività di produzione sono biologiche e non ogm, diverse aziende si occupano di tecnologie rinnovabili.

E' in uso il sistema di valuta complementare “Credito”, sia per gli scambi interni sia in convenzione con aziende del territorio.

Le coppie e i singoli

In ogni comunità, si tende ad avere una stanza per ogni persona – stanze più grandi alle coppie – e servizi comuni. I figli vivono nelle comunità ma divenuti adolescenti possono vivere tutti insieme nella comunità dei ragazzi, dove sviluppano autonomamente la loro esperienza comunitaria. Sono considerati “cittadini di fatto” e sono sostenuti dalla federazione nei loro studi, in attesa delle loro scelte da adulti.

CORSI, OSPITALITA', CITTADINANZA NEW LIFE

La Welcome Damanhur University organizza regolamente Scuole triennali e singoli seminari sui temi della conoscenza di sé, della visione spirituale, dello sviluppo del potenziale umano, della natura dell'universo (la “Fisica spirituale”) secondo l'insegnamento di Falco Tarassaco, dell'arte.

Vi sono molte modalità per trascorrere periodi di ospitalità in Damanhur e da alcuni anni è attiva la formula della cittadinanza “New Life”: vivere per tre mesi in comunità, come cittadini e non semplicemente come ospiti, per provare concretamente l'esperienza comunitaria.


  • Ultimo aggiornamento: 04.08.2014
  • Bibliografia

    Manuel Olivares, “Comuni, Comunità ed Ecovillaggi in Italia”, Editrice Malatempora, Roma, 2003.

    Stambecco Pesco, “La mia Damanhur”, Altri Paraggi, Reggio Emilia 2011.

    Maria Immacolata Macioti - Michele Del Re, “Comunità spirituali del XXI secolo. Il caso Damanhur”, Editrice Aracne, Roma 2013.

Video

Tempi dell’Umanità, apertura per il ventennale:

La musica delle piante:

  • Nessun commento trovato

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information